Speciale God of War: Kratos, viaggiatore di mondi

L’E3 2017 è finalmente giunto in quel di Los Angeles e, prima di levare velocemente le tende come suo solito, ci ha lasciato in dono qualche emozione e parecchi trailer. Tra questi, una certa rilevanza l’ha certamente avuta il nuovo materiale mostrato da Sony per la sua preziosa, futura esclusiva PS4: God of War. A riguardo, abbiamo prodotto un’anteprima che raccoglie le nostre osservazioni ed impressioni.

In questo approfondimento, invece, vorremmo discutere di un elemento importantissimo ai fini della costruzione del gioco in questione. Parliamo della mitologia nordica, raccolta delle credenze popolari del nordeuropa che descrivono il mondo ed i fenomeni che lo popolano; strumento, nelle sapienti mani degli sviluppatori di Santa Monica Studios, per la creazione del contesto in cui Kratos e figlio vivranno le loro nuove avventure.
Ed è proprio questo il tema che vorremmo affrontare: quale viaggio avranno programmato i developer californiani per il barbuto guerriero ed il suo giovane apprendista?

God of War e la mitologia nordica

E’ passato ormai un anno da quando è stato ufficializzata, con il primo trailer, l’ambientazione del nuovo God of War. I molteplici regni di uomini e dei descritti nell’Edda faran da palcoscenico alle tumultuose peripezie che ci troveremo ad affrontare assieme ai due protagonisti. Una scelta, quella della mitologia nordica, che appare abbastanza scontata, per diverse ragioni più o meno valide.
Tra queste, sicuramente il desiderio degli appassionati, che ben prima dell’annuncio esaltavano tale possibilità per il ritorno del loro brutale beniamino. Ciò non significa che le altre possibili scelte siano state scartate a priori; ma considerando le opinioni espresse in lungo e in largo su Internet, nemmeno gli dei egizi han potuto nulla contro le leggende tramandate nel popolo vichingo.

Oltre a questo, bisogna vedere il tutto sotto la prospettiva dello sviluppo videoludico: era necessaria un’ambientazione che garantisse molta varietà estetica e di background. Qualità decisamente garantite dalla mitologia nordica, coi suoi 9 mondi a raccogliere leggende e creature di ogni genere e dimensioni. Si va dal “recinto” degli uomini al regno degli elfi, dal mondo dei giganti di fuoco a quello dei cosiddetti giganti di brina; ed ovviamente, tra gli altri, anche gli dei, tanto invisi a Kratos nel corso della scorsa trilogia di giochi.

Una discreta quantità di possibili setting, dunque, per il nuovo God of War; appare abbastanza scontato che non saranno tutti presenti in questo capitolo. Il contenuto del trailer, in ogni caso, ci permette di speculare un po’: per quali di questi luoghi avranno optato i designer di Sony Santa Monica?

Kratos nella Terra di Mezzo

Ebbene, possiamo partire con quella che è considerabile una “scelta obbligata”: Midgardr, ove risiedono gli esseri umani. D’altronde Kratos proviene dal folklore greco, il quale non separa nettamente Olimpo e Grecia. Escludendo l’Ade ed i Campi Elisi, il nostro furioso guerriero non ha solcato altre lande che non appartengano alla realtà terrena.
Se identifichiamo il mondo di gioco con il nostro (solo, popolato da veri dei in carne ed ossa), l’unica ipotesi possibile è la seguente: in seguito agli avvenimenti della prima trilogia il buon vecchio spartano deve necessariamente aver migrato verso le gelide terre nordiche, passando per l’Europa.

Nonostante questo ragionamento, esiste un’altra prova del fatto che giocheremo, almeno in parte, nella cosiddetta Terra di Mezzo (traduzione letterale del nome norreno). Si tratta della presenza, nel trailer, del Midgardsormr, l’enorme rettile che sorge dalle acque per parlare ai due protagonisti di God of War.
Ebbene, parliamo di una creatura che ha, secondo la mitologia nordica, dimensioni tali da cingere completamente il Midgardr. Non per niente, come spiega Atreus, il suo nome significa “Serpente del mondo”.

Jormungandr in God of War

“Lo vuoi un bacino?”

Tra giganti, nani ed… Estranei?

Per quanto riguarda le altre ambientazioni, è già più difficile affermare con certezza quali siano i piani di esistenza rappresentati. Vi è comunque la concreta possibilità che uno di questi sia lo Svartálfaheimr, traducibile letteralmente in Regno degli elfi neri.
Sono diversi gli indizi che condurrebbero a questa ipotesi, primo tra tutti la presenza dei nani; il mondo in questione, infatti, è il luogo in cui abitano le razze appena citate, stando alle credenze norrene. E se riconoscere le basse, avide creature è facile, così non è per quanto riguarda gli elfi oscuri. Anche se tutto punta alle pallide figure dagli occhi azzurri tanto simili agli Estranei de “Il gioco del trono”.

Arriviamo, infine, all’ultima, verosimile location per cui probabilmente transiteranno Kratos e prole in questo nuovo God of War. O meglio, forse sarebbe più corretto dire coppia di location? Su questo, la mitologia nordica si fa confusa, faticando a distinguere tra due mondi che vengono descritti in maniera simile.
Ci riferiamo al Niflheimr, gelido dominio dei giganti di ghiaccio, ed all’Helheimr, dimora dei morti senza gloria. Diverse posizioni in merito fanno coincidere le due realtà, a causa di particolarità che sembrano accomunarle, come la presenza di freddo, ghiaccio e nebbia. Purtroppo il trailer dell’E3 non fornisce chiarimenti in merito, sebbene alcune scene, alla luce delle descrizioni appena fornite, lascino ben poche incertezze riguardo alla presenza di almeno una delle due location.

A prescindere da cosa realmente finirà nel titolo, possiamo dormire sonni tranquilli: il background narrativo è una bomba, a livello potenziale. E difficilmente Santa Monica Studios tradirà le aspettative che ha, con così tanta cura, creato.

Appassionato di videogiochi e Game Design, oltre a leggerne spera di riuscire a scriverne decentemente. Gioca di tutto, ma ama in particolare Action, GDR e relative ibridazioni: la passione nata con God of War si è sublimata con Dark Souls.

Potrebbe interessarti anche…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *