Square Enix Live E3 2019: sorprese e comparsate – Recap

Ci avviciniamo ai recap delle ultime conferenze tenute alla fiera losangelina. Oggi parliamo della Square Enix Live E3 2019. Tra anteprime, reveal, world premier e IP inedite, la conferenza di Square Enix si può riassumere con la parola “comparsate”. Tanti video e trailer di pochi secondi, tra i quali spicca Final Fantasy VII Remake e Marvel’s Avengers, ma poca sostanza.

Sorpresa, sorpresa

Contro tutti i pronostici Marvel’s Avengers di Crystal Dynamics ed Eidos Montreal si è rivelato uno dei titoli più interessanti della conferenza. I giocatori vestiranno ovviamente i panni di alcuni degli eroi di casa Marvel, con le proprie animazioni, combo e abilità personalizzate in un’esperienza di gioco cinematografica e coop.
Nei pochi minuti di gameplay mostrati allo Square Enix Live ci è parso di vedere una profonda cura dei dettagli, così come in quella della caratterizzazione dei personaggi, anche se quest’ultima parte non è stata ben accolta dai fan. Un titolo da tenere d’occhio, in quanto potrebbe scalzare senza troppa fatica il ruolo di GaaS story-driven cooperativo che avrebbe voluto essere Anthem.

Final Fantasy VII Remake torna a mostrarsi dopo il passaggio di team di sviluppo. Nell’articolo di approfondimento dedicato a questa pietra miliare dei JRPG abbiamo parlato del gameplay trailer, mentre in questo ci soffermiamo sul combat system. In effetti si avvicina molto a quello di Final Fantasy XV, sebbene si evolva in modo diverso.
Le due barre ATB permetteranno di utilizzare abilità e magie, innescando uno slow motion ideato per i giocatori tattici. L’action puro dei combattimenti in tempo reale con tanto di switch tra i protagonisti lo si avrà con le shortcut che non fermeranno il tempo. Lasciateci dire che questo è un concreto colpo di spugna dai combattimenti a turni del passato, senza però snaturare il classico combat system della serie Final Fantasy.

Comparsate, a decine

Come anticipato nelle prime righe di questo recap sullo Square Enix Live E3 2019 le comparsate sono state molte. A farla da padrone sono stati diversi nuovi DLC e Remastered legate al marchio Final Fantasy. Si parte dai moba con Final Fantasy: Crystal Chronicles Remastered Edition e Final Fantasy: Brave Exvius, passando per il remake di Final Fantasy VIII, presentato con un breve trailer e nessuna info su eventuali nuovi contenuti, fino ad arrivare a Final Fantasy XIV Online che guadagna la nuova espansione ShadowBringers dove, in controtendenza, la luce è il nemico da sconfiggere.

Kingdom Hearts III: Re Mind, invece, metterà i fan di Sora & Co alla ricerca della verità su due misteriose figure: Xigbar e Luxord; Dragon Quest Builder 2 espanderà la formula del primo capitolo aggiungendo mondi più vasti, la coop a 4, nuovi mostri e possibilità nella creazione dei castelli e strutture di gioco, il tutto a partire dal 12 luglio anche su PS4; Dragon Quest XI: Echos of an Elusive AgeS – Definitive Edition nasconde dietro al chilometrico titolo la possibilità di giocarlo nel più classico stile 2D; Dying Light 2 si è mostrato invece con pochi minuti di gameplay, tutt’altro che inediti, in attesa dell’uscita nella primavera 2020.

Gli indie di Square Enix

Non sono mancati anche quest’anno gli indie games pubblicati sotto l’ala protettrice di Square Enix. Sembra un po’ strano visto che il termine indie sta per “indipendenti”, ma alla Square Enix Live E3 2019 ce ne sono stati diversi e intriganti, e via quindi di recap.

Il piccolo Oninaki sembra presentarsi come un hack ‘n’ slash all’occidentale nelle meccaniche, ma legate al Sol Levante per il lato artistico. Non sappiamo molto altro dal breve video del gameplay, benché una data di uscita su PC e PS4 sia fissata per il 22 agosto 2019.

Entrando nel così detto Square Enix Collective troviamo invece il titolo di corse 2,5D Circuit Superstars e i nuovi contenuti di Battalion 1944: Eastern Front in cui i fan troveranno nuove armi, modalità, vanity, skin, classifiche e tornei organizzabili tramite “FaceIt Challenge Your Game”.

Per la chiusura abbiamo tenuto il pezzo da novanta: Outriders. I creatori di Gear of War: Judgment e Bulletstorm, cioè la softco People Can Fly, stanno lavorando al proprio shooter. A prima vista il titolo ci ha dato l’impressione di poter essere accostato ad altre produzioni già note come Doom e The Division. Secondo quanto trapelato il gameplay dovrebbe essere quello di un “dark modern shooter giocabile in cooperativo o in solitaria, dove poter creare il tuo personaggio e portarlo avanti nelle lande a caccia di anime”. Più informazioni a riguardo di Outsiders dovrebbero arrivare nell’inverno 2019, intanto appuntatevi il sito ufficiale.

Avatar

Videogiocatore, blogger, redattore, recensore, scrittore di fanfiction e... è tutto.

Potrebbe interessarti anche…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.