Xbox Scarlett e i 24 teraflops: non funziona esattamente così

Da quando Xbox Scarlett è stata “mostrata” durante la conferenza Xbox tenuta all’E3 2019 una frase è rimbalzata nel cervello di videogiocatori e critica finendo per creare confusione: “La nuova console sarà 4 volte più potente di Xbox One X”. Per una ragione che ancora non riusciamo a comprendere molte persone sono saltate fuori affermando che la nuova console, nome in codice Scarlett, avrà una potenza pari a 24 Teraflops.

6 Teraflops (Xbox One X) x 4 = 24 Teraflops

Non funziona così e in questo articolo vi spieghiamo anche il perché.

Come funzionano i Teraflops

Per spiegare come funzionano i Teraflops dobbiamo partire dalla definizione. Con Teraflops si intende la capacità di un determinato hardware di eseguire mille miliardi di operazioni in un secondo. Con “operazioni” si intende il calcolo e la generazione degli elementi che compongono lo scenario, come alberi o edifici. Fatta questa breve introduzione capiamo come vanno calcolati.

Iniziamo con l’escludere categoricamente il calcolo fatto ad inizio articolo. Questa è la formula generica per il calcolo dei Flops:

Numero di core x clock (frequenza operativa) x flops su ciclo

Constatato che quel 6 x 4 non sta in piedi neanche a pregare, sappiate che quella riportata di sopra non può nemmeno essere usata per fare un calcolo esatto della potenza delle nuove console, può essere usata solo per fare un calcolo generico, indicativo. Questo perché la formula non tiene conto di tutta una serie di operazioni, come il carico sul microprocessore ad esempio, fondamentali per il calcolo esatto di un preciso hardware.

Per calcolare con precisione i Flops è necessario mettere a confronto la potenza di calcolo di una floating point unit, un’unità presente nei processori, con un riferimento standard, eseguendo quindi un benchmark. Come potete vedere la questione non è così banale, bisogna avere alla mano tutti i dati e le specifiche della console che si vuole studiare.

Se desiderate approfondire l’argomento Teraflops vi invitiamo dunque a leggere i nostri articoli, dedicati al calcolo e all’importanza che questi hanno per la next-gen.

Fonte: Wikipedia.

Potrebbe interessarti anche…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.