Xbox Elite Controller Serie 2: cosa cambia dal primo modello

Nel corso dell’E3 2019 Xbox e Microsoft hanno ufficialmente mostrato a critica e pubblico la tanto rumoreggiata versione aggiornata dell’Elite Controller. Pensato per i pro gamer e per coloro che desiderano vivere un’esperienza sensibilmente diversa, l’Xbox Elite Controller Serie 2 è in buona sostanza un upgrade della prima versione, vale però la pena passare dalla serie 1 alla 2?

Scopriamolo insieme.

Xbox Elite Controller Serie 2 vs Serie 1

Per fare delle valutazioni e darvi la nostra opinione abbiamo prima di tutto bisogno di capire cosa offre l’Xbox Elite Controller Serie 2. Il nuovo pad Xbox ci è stato presentato con le seguenti caratteristiche:

  • Batteria ricaricabile integrata.
  • Caricabatterie interno alla custodia per caricare il pad quando viene riposto.
  • Autonomia di 40 ore.
  • Tensione regolabile delle levette analogiche per renderle simili a quelle del pad della 360.
  • Tre livelli di corsa per i trigger posteriori contro i due della serie 1.
  • Nuovo materiale anti-scivolo frontale prima assente.
  • Le configurazioni registrabili del controller passano da 2 a 3.
  • Nuova connessione bluetooth integrata.

Fatta questa doverosa panoramica sull’Xbox Elite Controller Serie 2 è arrivato il momento di dirvi cosa ne pensiamo, dicendovi se secondo noi vale la pena effettuare il passaggio e se per un utente che non ha mai acquistato la prima versione è più conveniente prendere un controller di serie 1 o di serie 2.

Ne vale la pena?

Allora, vi diciamo subito che i due grandi punti a favore della serie 2 secondo noi sono la presenza della connessione bluetooth, prima assente, e la nuova gestione della batteria del controller. Al di là dell’autonomia che di sicuro vi permetterà di effettuare diverse sessioni di gioco senza dovervi preoccupare di caricare il pad, la presenza di una batteria integrata (finalmente, Ndr.) e di un caricabatterie interno alla custodia vi permetterà non solo di risparmiare tempo ma anche soldi.
Per quanto riguarda invece gli altri miglioramenti, sicuramente farà piacere ai nostalgici e ai pro gamer sapere che ora il pad possiede più livelli di configurazione quando si parla di tensione delle levette posteriori e degli analogici.

Se siete in possesso di un pad serie 1, e amate avere sempre sotto mano la possibilità di cambiare configurazione ed esperienza a seconda del gioco, Il passaggio è consigliato. Tuttavia, dobbiamo riconoscere che salvo non siate dei patiti della customizzazione, perdonate il termine italianizzato, le migliorie apportate secondo noi non giustificano il passaggio, soprattutto se i soldi che spendereste per il pad potrebbero servirvi per finanziare una delle due nuove console.

Se non avete mai invece comprato un pad Elite, invece, vi consigliamo di pensare bene all’utilizzo che ne farete. Se avete intenzione di buttarvi in modo serio sul gaming hardcore vi consigliamo al 101% di comprare l’Xbox Elite Controller Serie 2. Discorso diverso invece se vi considerate dei giocatori, non necessariamente casual gamer, che non sono interessati all’aspetto pro gamer ma che desiderano comunque passare dal pad base all’elite. In questo caso senza dubbio alcuno in consigliamo di virare sulla serie 1 non appena esce la 2, in modo da sfruttare il deprezzamento naturale della prima versione.

Potrebbe interessarti anche…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.