World of Warcraft Classic: il classico non sfiorisce mai

Sono passati anni da quando siamo entrati per la prima volta in Azeroth. Per molti è stato il primo gioco online, io sono una di queste persone. Nel corso degli anni sono state create tantissime espansioni, le ricordo tutte. Essendo un giocatore di lunga data ricordo persino quando tutto non era ancora a regime, il gioco era da ripulire e le risate fatte insieme ad i compagni di Gilda su TeamSpeak e poi Ventrilo dettavano il ritmo delle sessioni.

In questi giorni World of Warcraft 15 anni!

In merito al titolo creato da Blizzard possiamo dire di tutto, potremmo scrivere articoli su articoli parlando di cosa ci è piaciuto e di cosa ci ha fatto storcere il naso. Non basterebbero però cento articoli per raccontarvi tutti i ricordi e le amicizie nate ad Azeroth sulla versione ancora acerba di quello che sarebbe diventato poi uno dei giochi più grandi di tutti i tempi.

Dopo tantissime richieste da parte dei fan, Blizzard per celebrare questo anniversario ha reso disponibile la versione di allora: World of Warcraft classic.

World of Warcraft Classic - Onyxia

World of Warcraft Classic – Il Drago Onyxia

Dal punto di vista tecnico questa versione di World of Warcraft è un’autentica ricostruzione del gioco originale, prima che qualsiasi espansione venisse aggiunta. Quello fatto da Blizzard è un gesto d’amore per tutti gli utenti che hanno giocato e continuano a giocare a questo evergreen videoludico.

In merito a questo gesto d’amore J. Allen Brack, presidente di Blizzard Entertainment, ha dichiarato:

È passato molto tempo, ma siamo felicissimi di dare il benvenuto ai nostri amici, nuovi e vecchi, sulla Azeroth classica. L’entusiasmo della community è contagioso e profondamente motivante: è chiaro che sono emozionati come noi nel poter rivivere l’esperienza di World of Warcraft Classic. Non vediamo l’ora di riscoprire le sue meraviglie e le sue sfide insieme a loro, a partire da oggi.

La risposta dei fan è stata chiara ed immediata, quasi 2 milioni di giocatori hanno creati i propri personaggi sfruttando il pre-lancio in previsione del lancio effettivo di questi giorni.

I numeri di World of Warcraft

Parliamo un po’ di numeri. World of Warcraft è stato giocato da oltre 140 milioni di giocatori in 15 anni, evolvendosi nel corso di sette espansioni che hanno aggiunto funzionalità e potenziamenti per migliorare l’esperienza videoludica.

Se mettiamo a confronto la versione classica e quella post ultimo DLC scopriamo che la prima è molto più “tosta” rispetto all’ultima. Io stesso negli anni ho notato che le scelte di Blizzard riguardo la gestione del titolo sono sempre state improntate sul creare un’esperienza di gioco aperta a tutti gli utenti a discapito, tal volta, dei cosiddetti utenti Hardcore.

Basti solo pensare che in questa versione “Classic”, a differenza di “Battle for Azeroth”, le incursioni e le spedizioni dovranno sicuramente essere preventivamente organizzate senza tralasciare nulla, pena continui wipe anche nei pull più semplici.

Parlando di raid anche in questo caso l’attenzione dovrà essere massima, è importante formare un team funzionante insieme ad altri 40 player che sanno il fatto loro, altrimenti non ci si muoverà dall’entrata.

World of Warcraft Classic - Fight a Molten Core contro Ragnarok

World of Warcraft Classic – Fight a Molten Core contro Ragnarok

Come da prassi in World of Warcraft i contenuti non verranno pubblicati tutti in blocco, verranno rilasciati nel corso del tempo. Aspettatevi quindi nelle prossime settimane le storiche incursioni a Blackwing Lair (Fortezza dell’Ala Nera), Zul’gurub e Naxxramas, i campi di battaglia PvP come Warsong Gulch (Forra dei Cantaguerra), Arathi Basin (Bacino d’Arathi) e la versione classica di Alterac Valley (Valle d’Alterac).

Verranno riattivati anche gli eventi a tempo limitato come l’Ahn’Qiraj War Effort (Preparativi per la Guerra di Ahn’qiraj) e la Scourge Invasion (Invasione del Flagello). Se come me siete dei veterani di Azeroth ricorderete sicuramente che quelle sopra citate sono delle vere e proprie prove di resistenza all’interno del gioco.

Buon compleanno WoW, 100 di questi giorni

Come ogni anniversario che si rispetti ci saranno inoltre degli eventi all’interno dell’ultima espansione di World of Warcraft “Battle for Azeroth” per celebrare la versione classica. I giocatori dovranno affrontare un’incursione speciale che riunisce alcuni dei boss più potenti di World of Warcraft. Coloro che concluderanno questa spedizione otterranno la cavalcatura Spezzamondi d’Ossidiana, ispirata al temuto Aspetto del Drago Alamorte il Distruttore.

In aggiunta, tutti i giocatori che si connetteranno a Battle for Azeroth durante l’evento del 15° anniversario otterranno dei bonus a tempo limitato, tra cui la mascotte Piccolo Nefarian, un’impresa di gioco commemorativa e molto altro. Di seguito vi riporto il trailer di lancio.

Vi ricordo infine che per entrare in World of Warcraft Classic bisogna possedere un abbonamento attivo a World of Warcraft, così da potervi accedere direttamente dal gioco tramite l’applicazione Battle.net.

Ci vediamo su Azeroth!

Fonte: worldofwarcraft.com

Potrebbe interessarti anche…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.