Google Stadia vs Xbox Game Pass: abbonamenti a confronto

L’era del gaming in streaming è arrivata, i servizi in abbonamento spuntano come funghi e noi videogiocatori cerchiamo di riprendere fiato tra l’annuncio di un servizio e l’altro. Quali meritano una sottoscrizione e quali no? Oggi andiamo a mettere a confronto due teste di serie: Google Stadia vs Xbox Game Pass. Quale sarà il servizio migliore per voi?

Prima di partire però è il caso di fare un doverosa premessa: l’articolo è stato scritto tenendo in considerazione l’integrazione di XCloud all’interno del Xbox Game Pass. Anche se non abbiamo ancora certezze, Xbox e Microsoft ci stanno attualmente ragionando su. Viene poi spontaneo ipotizzare, dato anche il concetto di famiglia di dispositivi e la libertà di gioco tanto sbandierata da Xbox, che questa funzione (parliamo di XCloud, Ndr.) venga inclusa gratuitamente all’interno del Game Pass in quanto sua estensione.

Google Stadia vs Xbox Game Pass

Avendo a disposizione solo un quantitativo limitato di soldi da poter spendere ogni mese sui videogiochi, il videogiocatore medio deve fare delle scelte. Per questa ragione i primi temi che vogliamo affrontare sono quelli del prezzo e degli abbonamenti.

Prezzo e abbonamenti

Vi diciamo subito che il confronto Google Stadia vs Xbox Game Pass lascia un po’ il tempo che trova in questo caso, principalmente perché i due servizi sono stati pensati in modo diverso. Partiamo dal Game Pass, capirete subito di cosa stiamo parlando.

L’Xbox Game Pass funziona in questo modo: si paga un tot al mese e si possono giocare tutti i giochi presenti all’interno del catalogo “gratuitamente”. Questo è l’abbonamento base che comprende soltanto le console. Se si vuole sfruttare il servizio sia su console che su PC esiste il Game Pass Ultimate, che con un prezzo lievemente più alto permette di giocare su entrambe le piattaforme e di usufruire del Xbox Live Gold su console, ovvero dell’abbonamento online.

Google Stadia, invece, è un servizio diverso. Esistono due tipi di abbonamento, uno gratuito e uno Premium. A dispetto però dell’abbonamento scelto i giochi andranno pagati singolarmente, questo significa che con Stadia si paga la possibilità di avviare i giochi direttamente da Google Chrome o da Youtube, senza dover passare da nessuna app o client, ad una determinata definizione. Nel caso dell’abbonamento base 1080p e i 4K in quello Premium.

Confrontare i prezzi come potete vedere non avrebbe senso.

Contenuti a confronto

Il passo successivo del nostro confronto Google Stadia vs Xbox Game Pass prende in considerazione i contenuti offerti. Quale dei due servizi mette sul piatto la migliore offerta? Non essendo Google Stadia ancora partito per fare un confronto ci baseremo sugli accordi commerciali stretti e i giochi già annunciati, come quello con Bethesda o il nuovo Ghost Recon. Mettendo i due servizi a confronto ci si può subito rendere conto che ad un utente che non interessano le esclusive Xbox ciò che offre Google Stadia, a livello di terze parti, è al momento superiore. Con questo non vogliamo dire che sul Game Pass non siano presenti grandi Blockbuster, anzi, il fatto però è che su Google Stadia i grandi AAA vengono pubblicati al lancio mentre sul Pass bisogna aspettare qualche tempo, vuoi anche per la natura profondamente diversa delle due piattaforme. Stadia può quasi essere definita una non piattaforma ma un semplice “punto di accesso” al videogioco alternativo. In ogni caso non vedremo arrivare sul Game Pass immediatamente il nuovo Doom Eternal, come avviene invece su Stadia.

Discorso diverso se parliamo di esclusive. Ad oggi Stadia non possiede esclusive nonostante Google abbiamo fondato Stadia Games and Entertainment. Microsoft invece offre molto di più in questo senso. Ogni esclusiva Xbox viene pubblicata in simultanea sia in formato che fisico che in formato digitale sul Game Pass, conferendo al servizio di Redmond uno spessore non indifferente. Con l’aggiunta poi dei nuovi studi, Xbox è in grado di offrire letteralmente un’esclusiva per ogni tipo videogiocatore. Sul catalogo del Pass potrete trovare action GDR, GDR isometrici, TPS, racing game simulativi e arcade, gestionali, simulatori e molto altro ancora. Tutti titoli che non troverete altrove. Questo per alcuni può fare la differenza.

Libertà di gioco

Il passo successivo ci porta a fare un confronto sulla libertà di gioco offerta. Penserete che in questo caso ci sia ben poco da dire, insomma basta avere un qualsiasi dispositivo in grado di far girare Chrome per utilizzare Google Stadia, così come se si possiede un tablet, uno smartphone, una console o un PC si può utilizzare l’Xbox Game Pass senza problemi. Non è proprio così purtroppo.

Mettiamo caso che XCloud venga integrato nel Pass, lo scenario è quello che vi abbiamo presentato con console, PC e dispositivi mobili tutti connessi. Se così non fosse dovete prendere in considerazione solo il PC e le console per il Pass e i dispositivi mobili come smartphone e tablet dovete considerarli a parte in quanto la gestione avviene via XCloud.
Per quanto riguarda Stadia, invece, c’è tutta una questione intorno al fatto che Google Stadia sia stata pensata come una piattaforma PC e non mobile. Di questo però abbiamo già parlato abbastanza.

Per quanto concerne invece l’immediatezza, entrambi i servizi sono di facile e veloce fruizione. L’unico elemento che fa pendere l’ago della bilancia in favore di Stadia è la presenza di una feature capace di farvi avviare i giochi direttamente da Youtube.

Stabilità del servizio

Stabilità. Ecco, il tema della stabilità del servizio è un tema molto importante e parecchio delicato. A onor del vero dobbiamo anche sottolineare otto volte che non essendo ancora usciti i due servizi quello che possiamo fare è parlare per sentito dire.

I colleghi e le persone che li hanno provati con mano cosa hanno detto? Quali sono le opinioni e quali i dati di fatto?

Stando a quanto riportato da diverse fonti sembra che attualmente il servizio più stabile sia il Game Pass. Volendo fare un confronto diretto Google Stadia vs Xbox Game Pass, Stadia ne esce al momento con le ossa rotte. Tutto però può cambiare da qui alla release. Ad ogni modo, riguardo Stadia c’è stato tutto un discutere riguardo la latenza elevata e la capacità della compressione dati di dare una mano a rendere il servizio più stabile. Se vi interessasse approfondire la questione abbiamo scritto un articolo proprio intorno alla questione.

Verdetto finale

Eccoci al verdetto finale: Google Stadia o Xbox Game Pass, quale dei due servizi è la migliore scelta per voi? La prima cosa che dovete chiedervi è se le esclusive Xbox possono interessarvi o meno. Questo è il primo grande spartiacque. Il secondo punto importante è capire di che tipo di servizio avete bisogno: volete abbandonare la console in favore del PC, ma non volete spendere troppo in componenti performanti? Stadia potrebbe essere la soluzione giusta, a patto che le esclusive Xbox non vi interessino. Per voi sono più importanti queste ultime rispetto ai grandi AAA multipiattaforma? Game Pass ad occhi chiusi. Gli elementi che possono influenzare la vostra scelta sono parecchi come potete vedere.

Quello che vi consigliamo di fare è di prendervi due minuti e guardare indietro al vostro ultimo anno come videogiocatore. Quanti giochi avete comprato? Erano esclusive o multi piattaforma? Siamo sicuri che rispondendo a queste semplici due domande potrete trovare la risposta al quesito.

Fonti: Xbox Game Pass, Google Stadia.

Potrebbe interessarti anche…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.