Stadia vs xCloud e Game Pass: Google in difficoltà

Stadia vs xCloud e Xbox Game Pass, un confronto sulla bocca di tutti nelle ultime settimane. Settimane tra l’altro piene di novità e di avvenimenti. Ripercorriamo dunque gli ultimi grandi eventi cercando di disegnare un quadro generale, capendo al momento quale servizio prevale sull’altro, e di dare una sbirciata al futuro per cercare di capire come le cose potrebbero evolversi e in quale direzione.

Stadia vs xCloud e Game Pass

Stadia è stato da poco lanciato con giusto qualche problema: il servizio Google è uscito senza esclusive di peso che possano trainarlo e c’è stato qualche intoppo con la distribuzione dei kit fondatore. Dall’altra parte della barricata invece Xbox con l’XO19 ha annunciato diverse nuove esclusive in arrivo per il Game Pass nel corso dell’anno prossimo e l’integrazione gratuita nel corso del prossimo anno per tutti gli abbonati al servizio dell’xCloud nel Pass. In parole povere, chi nel 2020 avrà un abbonamento Xbox Game Pass Ultimate potrà dire di avere il mondo Xbox letteralmente in pugno.

Il confronto Stadia vs xCloud e Game Pass non si mette bene per Google insomma. Nonostante questo però i piani dello colosso di Mountain View fanno ben sperare.

Con il 2020 non solo arriverà il piano gratuito per Google Stadia ma si spera anche tutta una serie di funzionalità, promesse in fase di presentazione e poi posticipate, che dovrebbero rendere la piattaforma finalmente quello che dovrebbe essere. Un esempio è la tanto sbandierata apertura dei giochi da Youtube.

Così facendo il confronto Stadia vs xCloud e Game Pass potrebbe bilanciarsi un po’. Per vedere arrivare qualche esclusiva Stadia dagli Stadia Games and Entertainment crediamo ci vorrà come minimo il 2021. Quello di Google è dunque un presente lontano dall’essere rosa e fiori, nonostante questo si intravede un futuro promettente per il servizio. Un futuro speriamo non troppo distante.

Se desideraste approfondire questo confronto, mettendo faccia a faccia prezzi, abbonamenti e tanti altri aspetti vi rimandiamo al nostro articolo dedicato.

Potrebbe interessarti anche…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.