Come creare un personaggio Role Play credibile

Creare un personaggio Role Play credibile tocca diversi argomenti, si parla infatti di saper dare una personalità al proprio alter ego in base alle circostanze, quindi creare una storia e un passato che lo caratterizzino. Un qualcosa che lo renda “reale” agli occhi degli altri, come esperienze e traumi che lo hanno portato a essere la “persona” che si comporta in quel determinato modo. Il perché compie determinate azioni. Tutti abbiamo un perché che ci spinge a fare quello che facciamo, non a caso il passato è quello che ci identifica. Quanto state per leggere è dettato dalla mia esperienza personale in un anno di Role Play e dalla lettura di alcuni articoli sull’argomento. Potreste trovarvi d’accordo o in disaccordo con quello che leggerete; per questo esistono i commenti e il canale Discord di Role Play Mania.

Ma perché un personaggio Role Play dovrebbe essere credibile? Perché si comporta in modo coerente in base al suo carattere e passato che l’ha definito. Non avrebbe senso ruolare un personaggio senza passato che si comporta in maniera differente in ogni occasione. Non sareste credibili agli occhi degli altri, né sarà divertente per voi perché non avrete un filo logico, un’ancora, da cui prendere spunto e portare avanti la storia del vostro personaggio.

Personaggio credibile per la whitelist

Il discorso che segue non riguarda soltanto la creazione di un personaggio credibile per superare un colloquio whitelist, bensì per creare un personaggio Role Play credibile e di spessore in generale. Avevamo già discusso di come affrontare un colloquio whitelist, richiesto ormai da diversi server Role Play per mantenere un livello di utenza e di RP alto all’interno della community. Oltre al colloquio vero e proprio in cui vi saranno fatte delle domande sulle regole e i termini generali del Role Play, oltre che sul regolamento interno del server,  l’altra faccia della medaglia è rappresentata dalla creazione di un background del vostro alter ego.

Per superare una whitelist, per esempio di un server della mod Role Play FiveM di GTA 5, dovrete quindi crearvi un passato. Come procedere? Innanzitutto pensate al ruolo che avrà il vostro personaggio all’interno del contesto Role Play. È facile definirlo buono o cattivo. Ma molto probabilmente la realtà è dettata dal fatto che esistono mille sfumature di “grigio” dove non è tutto nero o bianco, buono o cattivo. Una buona azione rivolta a una persona potrebbe essere cattiva e nociva per un’altra.

L’attenzione si sposta quindi sulle circostanze, sulle esperienze e sui traumi. Createne alcuni e rendete realistico il vostro passato: proviamo a dare vita alla storia di Phill. Phill nasce in un piccolo paesino del Missouri. Vive la sua infanzia come ogni altro ragazzo, finché perde i genitori in un incidente d’auto mentre si dirigevano al George Washington Carver National Monument. Entra in coma per ben due anni e al suo risveglio, in un ospedale di Kansas City, scopre di non avere più alcun legame se non quello con una vecchia infermiera che l’ha preso in simpatia.

Circostanze, esperienze e traumi

Per pagare la parcella medica di un’assistenza sanitaria inesistente in America, l’infermiera chiama la stampa per sensibilizzare l’opinione pubblica e raccogliere fondi. Grazie alla tenacia dell’anziana signora, Phill riesce a pagare i debiti ma finisce in orfanotrofio, perché l’infermiera non rispetta i requisiti per l’adozione. In orfanotrofio Phill si forma dopo vari screzi con gli orfani più grandi. Sfrutta l’esempio dell’infermiera che con la sua forza di spirito aveva coinvolto i mass media, creando quindi un vuoto attorno ai bulli inventando e esaltando difetti e tic.

come personaggio role play credibile_5

Foto del vero parco nazionale

Vince la sfida utilizzando l’intelletto e alla maggiore età decide di iscriversi alla Missouri School of Journalism, dove si laurea. Vive anche una bella storia d’amore con la ragazza che desiderava da tempo, dopo aver screditato l’ex fidanzato di lei. Uscito dall’università entra nella redazione del The Kansas City Star. Necrologi e trafiletti da ultima pagina accompagnano le sue giornate, mentre avviene uno scandalo dove un senatore di Kansas City, sposato e con due bambini, viene fotografato insieme a delle escort. Tutto viene insabbiato ma Phill vuole fare carriera, ciò lo porta a scavare affondo. Trova ulteriori prove sul senatore e i suoi traffici. Ma non ha fatto i conti con il potere dei soldi. Scoperto e spogliato della sua carica, il senatore ingaggia un sicario per colpire il nostro Phill dove fa più male. L’anziana infermiera, ormai in pensione, entra nel giro di breve tempo nel mirino dell’assassino, il quale finisce per stroncare la sua vita prematuramente. Questo avvenimento segna Phill nel profondo. L’accaduto porterà il ragazzo a non fiderarsi più di nessuno.

Potremmo andare avanti per ore a costruire altri strati della personalità del nostro alter ego, ma per il momento ci fermiamo qui.

Dopo il background c’è il Role Play

Cosa possiamo trovare qui? Ovviamente luoghi realmente esistenti (Google aiuta), quindi un contesto in cui si svolgono i fatti. Il Missouri è situato negli stati meridionali dell’America, così come Kansas City che ne è la capoluogo. A questo si aggiungono dei traumi che segnano il carattere di Phill. Di certo non è stato un bambino che ha vissuto un’infanzia felice. La sua personalità si potrebbe definire come quella di una persona introversa, che si fida poco degli altri e utilizza il suo intelletto per cavarsela dai guai. Un nerd? Non proprio.

Nerd o no, tutto ciò lo definisce. Questa è la base su cui il Role Play del nostro ipotetico Phill si poggia. Le circostanze potrebbero portarlo a svolgere un ruolo più da criminale, magari perché scopre di provare piacere più nel punire chi fa soffrire le persone, piuttosto che scrivere articoli. Oppure sul lato legale, portandolo magari a diventare un magistrato. Non so se l’idea delle mille sfumature di grigio di cui abbiamo parlato poco sopra in questo contesto sia chiara: voi avete una base di partenza sulla quale costruirvi la vostra storia in base agli eventi. Schematizziamo e approfondiamo.

Dalla teoria alla pratica

Schematizziamo quanto detto, in modo che possiate avere una base su come creare il vostro personaggio Role Play credibile. Per caratterizzare Phill mi sono posto delle domande del tipo: che nome voglio dargli? Da dove viene? Fa parte di una famiglia ricca o povera? Ha vissuto un’infanzia felice o traumatica? Quanti anni avrebbe nel presente del Role Play? Come sono i rapporti con i genitori? Che lavoro potrebbe svolgere? Fa parte di qualche gruppo (gang)? Ha una personalità introversa o estroversa? Tende al male o al bene?

Una volta che avrete una risposta a queste domande (non necessariamente tutte), si passa alla caratterizzazione vera e propria. Non è necessario nascondere che tutti noi abbiamo avuto delle delusioni nella vita. Chi più chi meno. Per rendere un personaggio Role Play credibile e interessante dovrete inventarvi dei difetti, una delusione, un trauma. Senza esagerare, perché cadreste nel ridicolo e il tutto diverrebbe poco credibile.

Per Phill i traumi sono stati due: la morte dei genitori e quella dell’anziana infermiera. Ha tuttavia conquistato una ragazza che desiderava e ha realizzato il suo sogno di diventare giornalista. Ci vuole equilibrio. Il difetto? Porta con sé la consapevolezza che non si fiderà mai interamente delle persone. Un altro difetto, questa volta fisico, potrebbe essere la vistosa cicatrice sulla testa che gli è stato inferta nell’incidente d’auto con i genitori e che ha portato Phill al coma.

Cosa definisce Phill

In questo caso le domande per definire una delusione o un trauma in generale nel Role Play sarebbero: ha perso un amico/a, familiare? È stato tradito o ha subito un tradimento? Ha perso il suo amore? È stato respinto? È stato rapito? Ha perso un arto o è stato menomato? Si è fatto un nemico giurato? Ha umiliato una persona? Ha perso tutto (denaro, lavoro, affetti)? È finito in galera? Ha passato un periodo nell’esercito? Ucciso una persona cara (per gelosia, vendetta)? Ha compiuto un gesto che non avrebbe mai pensato di fare sconvolgendolo? Porta con sé un terribile segreto?

come personaggio role play credibile_5

Phill in un attimo di smarrimento?

Ci si potrebbero porre altre domande di questo tipo, in quanto il Role Play tocca molteplici contesti. Pensando a GTA 5 e la mod Role Play FiveM mi verrebbe da domandarmi se il ruolo di giornalista di Phill presentato nel backgroud si possa aggrappare a un contesto RP. Ruolando Phill su FiveM tenderei quindi a provare ad entrare nel giornale locale per portare avanti la storia, i traumi e i difetti, scoprendo magari i segreti dei potenti mettendoli in piazza.

Se ci avviciniamo invece un po’ di più ai classici giochi di ruolo, che riprendono anche quelli da tavolo, come Divinity: Original Sin 2 o l’immancabile Dungeons and Dragons, mi verrebbe da chiedermi se Phill possa piuttosto essere in qualche modo speciale? La botta in testa potrebbe permettergli di vedere un piccolo spiraglio del futuro? Oppure potrebbe essere il simbolo segreto di ordine? Avrà fatto parte di una setta o una gilda? Nel caso del GdR di Larian Studios un background interessante potrebbe essere quello di creare un Phill mezzo elfo, il cui padre faceva parte dei Cacciatori della Sorgente e la madre si era pentita di aver preso le parti di Braccus Rex.

Ragione di vita, lo scopo

Non pensiate però che per creare un background adeguato siano necessarie pagine su pagine, soprattutto nelle whitelist Role Play. L’esempio è quello schematizzato di Phill. Poche semplici righe che danno un’idea della personalità, dei traumi e delle esperienze vanno benone. C’è ovviamente chi preferisce schematizzare il passato raccontando dall’infanzia al presente, chi invece romanza il tutto. L’importante è che ricordiate che tutto ciò che scrivete nel background dovrete ruolarlo voi e quindi portarlo in gioco magari per qualche settimana o mese.

Ora avrete un involucro con un passato. Serve uno scopo! Qual è la sua ragione di vita? Diventare il più ricco di tutti? Avere potere? Come mai Phill non si arrende? Perché non lascia stare il giornalismo? Senza uno scopo il vostro Role Play diventerà poco a poco piatto e fine a sé stesso, finendo per annoiarvi.

Questo scopo potrebbe essere anche personificato anche da un “nemico“. Non è necessario che lo caratterizziate per filo e per segno. Nel background del mio personaggio Role Play, del cui avevamo discusso nell’articolo che cosa è il Role Play, il primo “nemico” era il suo capo, nonché padre spirituale. Quest’ultimo lo tradì perché in fondo in fondo era un farabutto.

Chi nasce quadrato non muore tondo

Questa è l’espressione che il mio amico Alessandro (aka Turan) mi rivolse mentre stavamo discutendo di Role Play, background e giocatori. È interessante soffermarsi un secondo. “Chi nasce quadrato, non muore tondo” sta a significare che il Role Play è per lo più basato sul nostro carattere. Siamo sempre noi, quelli dietro allo schermo che diamo vita al personaggio Role Play. Per quanto possiamo sforzarci, una persona dal carattere esuberante non dovrebbe trovarsi a suo agio nello svolgere il ruolo di un venditore d’auto sempre chiuso in concessionario. Così come una persona introversa avrà difficoltà a ruolare il barista di un locale. Ognuno vede a modo suo “il mondo” che lo circonda e quindi reagisce di conseguenza. Tutto ciò è dettato dal carattere, e difficilmente cambia.

Tuttavia esistono delle eccezioni e delle disinibizioni date dal fatto che il Role Play è una simulazione della vita reale, non della realtà. Nella mia esperienza posso dire però che ho visto diverse persone ruolare quasi sempre lo stesso tipo di personaggio. Compreso il sottoscritto. Alcuni hanno sempre ruolato dei criminali, altri degli imprenditori o dei poliziotti. Come anticipato le eccezioni ci sono: alle volte per ritrovare la voglia di continuare a fare RP bisogna cambiare e sperimentare. Questo sempre tenendosi aggrappati al passato, al background, al filo logico della vostra storia.

Recap

Cosa serve quindi per realizzare un personaggio Role Play credibile? Un po’ di impegno nel capire come vorreste che si comportasse nel contesto Role Play. Ovviamente pensando agli ipotetici sviluppi che si andrebbero a creare con quel personaggio per via del suo passato segnato da traumi, difetti, gioie e rivalse. Ricordate che tutto ciò che scriverete nel background caratterizzeranno le fondamenta del vostro Role Play futuro.

Fonte: GdRMagazine

MatteumPrimo

Role player, videogiocatore, blogger, redattore, recensore, scrittore di fanfiction e... è tutto.

Potrebbe interessarti anche…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.