Role Play: come comportarsi durante l’assistenza

Farsi prendere dalle emozioni del Role Play è facile, quasi immediato, a volte però si finisce per riversare tutte le emozioni anche durante la fase di assistenza, finendo per far perdere tempo all’admin che ci assiste e a noi stessi. Ve lo diciamo onestamente, comportarsi una scheggia impazzita durante l’assistenza non solo è considerato un atteggiamento maleducato ma anche scorretto. Quindi calma e sangue freddo, tutto si può risolvere.

Con il termine “assistenza” si indica una stanza vocale in cui si chiariscono le dinamiche di un’azione Role Play che presenta qualche incongruenza. Il discorso che state per fare si collega subito dopo all’aver chiesto aiuto agli admin utilizzando la chat OOC, che sia per un errore vostro o altrui.

Tutti sbagliamo

Partiamo con il dire che tutti sbagliamo. Siamo esseri umani e non possiamo farci nulla, alle volte si commettono degli errori. Ma non è una tragedia, come detto tutto si risolve. Nel Role Play non bisogna avere paura di sbagliare, di commettere errori, perché da quelli nasce e matura l’esperienza personale. Tanto meno bisogna avere paura di parlare con gli admin, anche se in certe community l’andamento delle “chiacchierate” in assistenza sembra un interrogatorio di terzo grado. Parlo per esperienza.

In questo caso vorrei aprire una breve parentesi per chi legge e forse si trova nella posizione di admin. È innegabile che il vostro impegno sia da elogiare, in quanto mettete una gran parte del vostro tempo libero al servizio delle persone, cercate sempre di dare l’esempio, ma questo non vi rende immuni dal commettere errori. A lungo andare potreste dimenticare che chi ha commesso l’errore può aver avuto anche lui una giornata storta al lavoro o a casa. Non prendete quindi sul personale il fatto che il player venga in assistenza con un diavolo per capello, ma piuttosto ricordategli che l’IC e l’OOC sono due universi distanti. Ricordiamoci tutti che ci vuole rispetto reciproco, sempre.

Detto ciò, arriverà il momento in cui sarete chiamati in assistenza o in cui avrete necessità di chiarire con altri giocatori un’azione. Intanto è essenziale che abbiate delle prove video dell’azione contestata. Ovviamente le persone che vi ascolteranno dovranno essere considerati come una sorta di “investigatori” imparziali. Dovranno infatti capire chi ha sbagliato nello seguire le regole interne del server e generali del Role Play. Cosa c’è allora di meglio di un video in cui si vede dalla vostra prospettiva come sono andate le cose?

Prove video essenziali

Pensate che per colpa di un desync del server l’admin vi abbia visto volare con l’auto giù da un tetto commettendo Powergame? State tranquilli, e quando venite richiamati in assistenza da un avviso in chat OOC, iniziate serenamente la vostra chiacchierata. Come spiegare quanto successo? La prima domanda sarà “hai delle prove video?”. Coloro che eseguono delle live su Twitch e affini hanno il vantaggio che ogni loro singolo gesto viene registrato. Avrete a che fare senz’altro con questa “categoria” di Role Player, se non ne fate già parte. Il consiglio che posso darvi è di usare le stesse armi. Con una prova video si vedrà perfettamente il desync e non il lanciarsi volontario.

Esistono principalmente tre programmi per le registrazioni video che mi sento di suggerirvi. Quello che utilizzo personalmente è OBS Studio. Si tratta di un programma open source gratuito, a mio modo di vedere un buon sostituto di un programma professionale. Necessita di essere impostato ma è gratuito quindi portate pazienza. Non occorre però fare un corso per farlo funzionare, in quanto dovrete semplicemente creare una “finestra cattura schermo” selezionando quella della mod Role Play FiveM, oppure del programma in cui svolgere l’RP. Insieme a “cattura l’audio in entrata” e “cattura l’audio in uscita”, rispettivamente quello del vostro microfono e l’audio di gioco. Fate qualche prova per vedere se è tutto ok.

Oltre a OBS Studio esistono programmi largamente diffusi come GeForce Experience Game Capture, oppure la Xbox Game Bar presente in tutti i sistemi operativi Windows 10. Cosa li differenzia da OBS Studio? Alcuni dicono che siano più “pesanti” per il PC da gestire, altri sostengo l’esatto contrario. Utilizzate quello che più vi piace.

Le fasi dell’assistenza

Video alla mano vediamo come comportarsi con l’assistenza Role Play? Lasciate all’admin il tempo di vedere le immagini e chiedete cortesemente di dire la vostra, prima di un eventuale critica o verdetto.

Ipotizziamo un scenario. Fingiamo per un secondo che nel video si vedano Mister X e Mister Y decisi a rapinarvi nel bel mezzo dell’autostrada. Vi puntano un’arma dal finestrino della loro BMW, intimandovi di fermarvi. Le macchine arrestano la loro corsa, il passeggero scende dall’auto dimenticandosi la pistola sul cruscotto, quindi senza nulla in mano, mentre voi prendete la pistola dal cassetto dell’abitacolo e gliela puntate contro. Lui con la vostra arma puntata estrae tranquillamente quella di riserva dalla giacca e si crea una situazione di stallo. Iniziano una manciata di secondi di puro Role Play in cui Mister X e voi vi intimate a vicenda di abbassare le armi. Mister Y rimane in auto. Mister X si stufa di chiacchierare e spara al vostro personaggio mandandolo KO. Vi prende tutto, compreso il carico del vostro camion e riparte in auto.

La vostra contestazione dovrebbe riguardare molteplici fatti alquanto incongruenti. Il primo fra tutti riguarda l’estrazione della sua arma. Mister X ha difatti ignorato la vostra pistola già carica e pronta a ferirlo o ucciderlo. Si passa poi al fatto che abbia svolto una breve conversazione prima di spararvi spazientito, quando poteva svolgere l’azione in modo diverso chiedendo al compagno di scorribande di scendere dal lato del guidatore per dargli manforte. Terzo punto da contestare è il fatto che Mister X abbia preso 100 tavole di legno dal vostro camion, mettendole nell’inventario quando nell’ottica Role Play è impossibile che 100 tavole di legno siano caricate in una BMW. Piuttosto doveva rubarvi l’intero camion.

Schematizziamo

Schematizziamo l’azione: i due avevano armi? Mi hanno detto chiaramente di fermarmi? Hanno dichiarato quindi l’ingaggio? Eravamo in una zona rossa in cui potevamo sparare a vista senza commettere RDM? In caso contrario i due hanno svolto un minimo di Role Play dichiarando l’intenzione di ferire il personaggio? Queste sono le domande iniziali. Si prosegue con il fatto che una delle due parti abbia “vinto” e “perso” l’azione. Nel caso sopraelencato l’azione è stata tecnicamente vinta dai rapinatori, quindi sarebbe necessario confermare “l’azione finita” in chat OOC. Essenziale aggiungerei quando sono coinvolti più di tre Role Player.

A questo punto, avrete detto la vostra in assistenza evidenziando i punti (nell’esempio tre) che secondo voi infrangevano le regole Role Play. Ascoltate tranquillamente i commenti degli altri giocatori, nonché degli admin evitando di farvi provocare. L’atteggiamento calmo è tutto, e alla fine si parla di un gioco non di un’aula di tribunale. Gli admin elencheranno quindi i possibili richiami per entrambe le parti, e in alcuni casi, se sarete dalla parte della ragione, cosa contestate dell’azione Role Play di cui si discute. Non dovrete far altro che ribadire le incongruenze nell’azione chiedendo agli admin se nel loro parere infrangono il regolamento. Nell’esempio dovrebbero essere presenti no fear, RDM e fail RP.

Infine per correttezza chiedete agli admin se l’assistenza è da considerarsi conclusa. In questo caso fate tesoro dell’esperienza per non commettere più quel determinato errore e non pensate all’eventuale warn preso. Non è altro che un segno del vostro impegno nel migliorare il Role Play. Attenzione però perché in alcuni casi dall’assistenza si passa all’espulsione dalla community per ban, come per gravi casi di metagame; fate capire agli admin che ci tenete a ruolare come si deve. Ricordate inoltre che chiedere scusa non è da persone deboli, bensì denota maturità.

Avatar

Role player, videogiocatore, blogger, redattore, recensore, scrittore di fanfiction e... è tutto.

Potrebbe interessarti anche…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.