Road to PS5: in breve ecco le specifiche ufficiali

Senza stare troppo a soffermarsi sui numeri, andiamo in breve a snocciolare le specifiche ufficiali mostrate durante la recente live su YouTube intitolata “The Road to PS5”. Ovviamente si parla di una nuova generazione di console. Come tale la potenza della PS5 sarà superiore a quella che l’ha preceduta, tuttavia non mancano vere e proprie novità, tanto nel settore hardware quanto nel software PS5. Eccole, in breve.

Le specifiche PS5

Per le specifiche ufficiali della PS5, spiegate in breve, non potevamo che partire con l’aggiunta della SSD personalizzata con 5 Gb/s di banda passante. Questa sostituirà la rumorosa e ormai obsoleta HDD, velocizzando le tempistiche di caricamento di ben 100 volte rispetto all’attuale PS4. Questo è un vero passo avanti che porterà benefici ai giochi PS5 sia nel level design, permettendo di creare ambienti più grandi e spaziosi, ma anche eliminando fastidiose mega patch con relativa creazione di nuovi file che rallentavano la giocabilità.

Insomma la SSD personalizzata PS5 sarà affiancata anche da un nuovo programma di compressione e decompressione dei file, noto come Kraken. A tutto ciò si unisce inoltre un alloggiamento aggiuntivo nella PS5 dove poter installare una SSD m2 PCIe 4.0 (per PC) sebbene sarà necessario stare attenti alla compatibilità; molto probabilmente Sony potrebbe lanciare una SSD aggiuntiva ufficiale insieme a PS5.

E rimanendo in ambito di aspetti tecnici, sembra che l’architettura hardware della PS5 sia votata all’efficienza. Non sarebbe stato saggio ingrandire come di consueto fan e GPU/CPU ha dichiarato Sony. Piuttosto il sistema PS5 utilizzerà 16GB di RAM GDDR6 a frequenza variabile, ma boostati costantemente generando a 2.23 GHz ben 10.3 Teraflops. In questo caso, sempre secondo Sony, il sistema dovrebbe contenere i consumi e essere più efficiente, anche grazie alla SSD personalizzata.

In breve: next gen!

La next gen di PS5 si percepirà anche grazie alla retrocompatibilità dei giochi PS4 e PS4 Pro. Tuttavia invece di “invadere” il sistema e occupare spazio come era accaduto per la retrocompatibilità della PS3 su PS4, parole ufficiali, Sony ha studiato per l’occasione qualcosa di diverso: una versione PS4 e PS4 Pro retrocompatibile partendo dal codice nativo della PS5, e quindi integrando direttamente il tutto. Durante la live “The Road to PS5” è stato inoltre detto che alcuni giochi semplicemente non riescono a “contenere” la potenza della nuova console, e che ulteriori test saranno effettuati per poterli giocare su PS5.

Concludiamo portando alla vostra attenzione due nuove tecnologie che arriveranno con PS5 nelle vostre case: geometry engine e tempest 3d audio tech. Il primo in poche parole permetterebbe di creare geometrie più complesse garantendo al contempo agli sviluppatori di ottimizzare tutta la geometria di gioco, come accade per i giochi PC da anni ormai. Mentre la tempest 3d audio tech sembra sulla carta una rivoluzione del suono nei videogames.

L’audio di gioco realmente 3D

In breve le specifiche ufficiali del 3d audio di PS5 permetterebbe “di scovare il nemico semplicemente ascoltando il rumore da lui prodotto”. Il suono riprodotto per esempio su set di cuffie, non sarà più direzionato semplicemente a destra o sinistra, ma bensì in migliaia di possibili direzioni. Questo grazie alla ricerca Sony unita a vari test effettuati sulla riproduzione di suoni in 5 mila differenti direzioni. Una volta uscita la PS5 i giocatori potranno provare 5 versioni del 3d audio tech, selezionando quella che si adatta di più a loro. La tempest 3d audio tech di PS5 dovrebbe applicarsi anche alle casse della TV e sistemi audio.

Le parole chiave di PS5 sembrano essere poche e semplici: modularità per lo sviluppo di nuovi videogames e la visione degli sviluppatori, apertura verso il mondo PC e efficienza. Per poter constatare tutto ciò non rimane però che attendere fine anno e da testare su giochi come Baldur’s Gate 3 o Godfall.

Avatar

Role player, videogiocatore, blogger, redattore, recensore, scrittore di fanfiction e... è tutto.

Potrebbe interessarti anche…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.