L’Elden Ring è un oggetto di gioco: leak trailer conferma

Elden Ring è l’unione di tutti i giochi From Software. Non è una novità che l’ultima fatica dei creatori della serie Dark Souls sia un connubio di generi e gameplay. Il recente leak trailer di Elden Ring elimina i dubbi degli appassionati mostrando chiaramente un gameplay ispirato ai “souls like”. E molto di più con l’introduzione del combattimento a cavallo, quella che sembra una mappa “open world” alla Sekiro e una rivelazione inaspettata sull’effettiva esistenza in gioco dell’Elden Ring.

1 Elden Ring e 3 From Software

Non è una formula magica: semplice realtà. In poco più di un minuto e mezzo di video venuto a galla chissà come possiamo vedere le tanto attese sequenze di gioco di Elden Ring. From Software, come ogni buona casa sviluppatrice di videogames farebbe, prende il meglio dei precedenti titoli e ne crea uno nuovo.

Per i fan è facile notare il classico gameplay dei Dark Souls, in cui il giocatore con la sua esplorazione ripetuta ancora e ancora dopo ogni fallimento, trova il proprio percorso. Ancora di più per coloro che vengono dalla scuola di Bloodborne in cui potrebbe essere presente nel design di alcune creature (minuto 0:10), ambienti (minuto 1:21) e outfit (minuto 0:29) lo stile gotico del titolo From Software.

Rivolgendoci invece a Sekiro: Shadows Die Twice sarebbe scontato paragonare il combat system a quello di Elden Ring. Tuttavia, da quello che si è potuto vedere nel leak trailer, il sistema di combattimento di Elden Ring si avvicina più ai Souls che al frenetico samurai non morto. I counter-parry e le schivate all’ultimo secondo di Sekiro sono sostituite da un combattimento a cavallo (chiaramente visibile al minuto 1:03), insieme a una libera esplorazione degli ambienti che sembrano le macro aree.

L’Elden Ring è un oggetto

“Mia povera cosa. Hai superato il Mare di Nebbia… Posso solo immaginare cosa possa guidarti alla ricerca dell’Elden Ring”, recita la voce narrante nel leak trailer. L’Elden Ring che da nome al nuovo gioco From Software è quindi un’oggetto che i player dovranno trovare? Ci verrebbe da dire sì, ma From Software non è estranea a nascondere significati alternativi e quindi ci azzardiamo a un “sì, forse”.

La voce fuori campo prosegue dicendo che non c’è modo “di convincerti a tornare indietro. Molto bene, così sia!”. Sembrano tutti i presupposti per una sorta di fine tutorial, in cui il giocatore sarà poi abbandonato a godersi la propria sanguinosa, irritante, gloriosa e epica avventura di Elden Ring.

Vogliamo sapere di più. Il pensiero è comune; ricordiamo che Elden Ring è stato presentato per la prima volta all’E3 2019 con un trailer pressoché privo di gameplay, nel quale era ben evidenziata la collaborazione con l’allora chiacchierato G.R.R. Martin (Game of Thrones); riguardiamolo.

Role player, videogiocatore, blogger, redattore, recensore, scrittore di fanfiction e... è tutto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.