E3 2016: Sony apre con God of War

L’E3 di Sony parte con l’annuncio di God of War, nuovo capitolo per la storica serie firmata Sony Santa Monica. Il titolo, presentato con un trailer, introduce grosse differenze rispetto ai titoli precedenti, soprattutto a livello di ambientazione, ma riscontrabili anche nel carismatico Kratos, più vecchio e, forse, più umano.
La conferenza E3 di Sony parte col botto: tra voci corali e rullo di tamburi, un’orchestra presente in sala introduce dal vivo il nuovo capitolo di God of War – amata serie della compagnia nipponica – con un trailer di gameplay. Presentandosi senza numerazione, il titolo sembra voler essere un nuovo inizio per il sempre possente Kratos, che ritroviamo invecchiato e in compagnia del (presunto?) giovane ultimo figlio, in una nuova, gelida ambientazione chiaramente ispirata alla mitologia nordica.

Valhalla, giganti e barbe

Nonostante il footage mostrato abbia sicuramente il potenziale per colpire chiunque, molto probabilmente l’impatto maggiore l’ha subito chi ha seguito, giocato, e magari anche amato, la trilogia originale (e relativi spin-off). Il video della nuova esclusiva PS4, infatti, mostra in sequenza i vari aspetti chiave del gioco a venire, tra i quali il primo è chiaramente il protagonista, Kratos: il furente spartano appare certamente più vecchio (e più barbuto), ma soprattutto più umano, rispetto alle vicende legate al pantheon olimpico vissute nei precedenti giochi, cosa ancora più facile da notare grazie alla presenza del figlio, che sembra sottolineare l’intenzione di creare una
trama più profonda, nonchè toni più maturi, per questo capitolo ancora, purtroppo, privo di una data d’uscita.

Non passa certo inosservato, però, il cambio di ambientazione deciso dai ragazzi di Sony Santa Monica, che si presentano all’E3 2016 con un progetto dall’estetica ancora molto fantasy, ma certamente più tendente al fotorealismo, compromesso che sembra tagliato su misura per gli innevati paesaggi norreni mostrati nel trailer, popolati da creature che paiono uscite direttamente dai racconti mitologici (del Nord Europa, in questo caso), come d’altronde vuole la tradizione dei giochi God of War. Per tutti i dettagli, vi invitiamo a fare riferimento al video.

Appassionato di videogiochi e Game Design, oltre a leggerne spera di riuscire a scriverne decentemente. Gioca di tutto, ma ama in particolare Action, GDR e relative ibridazioni: la passione nata con God of War si è sublimata con Dark Souls.

Potrebbe interessarti anche…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.