Star Wars Battlefront 2: tutto quello che c’è da sapere

Siamo ormai in procinto di entrare, ancora una volta, in quel febbrile momento dell’anno che ogni amante delle Guerre Stellari attende ormai con trepidazione da tre anni a questa parte. Come successo due anni fa, anche quest’anno sotto l’albero di Natale troveremo due bei regali: Star Wars Battlefront 2 ed Episodio VIII, nuovo capitolo della saga.

A dispetto del film, in uscita nelle sale questo dicembre, per il nuovo sparatutto firmato Electronics Arts non manca ormai molto tempo. La data di uscita è prevista per questo 19 novembre. E se per provarlo con mano non resta che aspettare il 9 di ottobre, giorno di uscita della Beta, per scoprire qualche dettaglio in più non bisogna fare altro che lasciare la parola a John Boyega.

John Boyega « Questo è Star Wars Battlefront 2 »

Chi meglio di un fan, contento del lavoro svolto con il primo capitolo ma non del tutto soddisfatto, poteva introdurci il suo seguito. Dopo le critiche mosse ad EA per la mancanza di una campagna Single Player, ecco che il buon FN-2187 torna a parlarci del gioco dopo l’annuncio della scorsa volta. Questa volta però alzando il velo sui contenuti: tutti i contenuti!

C’è sempre un pesce più grosso

Bigger is better. Conosciamo tutti questa frase, perciò andiamo a vedere nel concreto quanto questo Star Wars Battlefront 2 sarà più grande del suo predecessore.

L’immagine estratta dal trailer parla chiaro: 18 mappe contro le 4 del primo capitolo, 14 eroi contro 6, 39 veicoli contro gli 11 di Star Wars Battlefront.
Uno dei più criticati aspetti del primo episodio è stato finalmente trasformato in un punto di forza, con buona pace dei videogiocatori. Ma non è tutto. Come potete vedere questi sono solo i contenuti base, molti altri ne verranno aggiunti post lancio, gratuitamente.

E questo è solo il principio.

Come molti di voi ben sapranno, questo seguito non avrà soltanto più contenuti per il multiplayer ma avrà anche più varietà. Le vecchie meccaniche sono state completamente o parzialmente riviste, secondo il feedback dei giocatori, è stata aggiunta una campagna in singolo (canonica, ndr.) e le tanto richieste battaglie spaziali, curate dai ragazzi di Motive Studios e Criterion.

Pianeti e location di Star Wars Battlefront 2

Leakate tempo addietro, ora sono ormai una certezza. Stiamo parlando delle iconiche location di questa cinquantennale saga. Dai selvaggi pianeti della prima trilogia, passando per i mondi più civilizzati della prequel era, fino ad arrivare ai più recenti Jakku e Takodana: ce ne è davvero per tutti i gusti.

Divise in Multiplayer e Single Player, i pianeti e le location di Star Wars Battlefront 2 saranno ben 18 al lancio, come già accennato.
Di seguito vi riportiamo l’elenco completo delle mappe per la multiplayer mode:

  • La seconda Morte Nera;
  • Kashyyyk;
  • Ryloth, pianeta natale della razza Twi’lek;
  • Jakku;
  • Endor,
  • Hoth;
  • Kamino;
  • Star Killer Base;
  • Yavin 4;
  • Mos Eisley;
  • Lo Star Destroyer Resurgence;
  • Naboo;
  • Takodana;
  • Fondor.

Questa è invece la lista delle mappe disponibili solo per il Single Player:

  • Sullust;
  • Pillio;
  • Vardos;
  • Bespin.

Come potete vedere si spazia dall’Orlo Esterno fino ad arrivare al centro della galassia, ma tra tutte le mappe sopra elencate ci teniamo a concentrare il vostro sguardo su Ryloth, mondo forse sconosciuto ai più. L’aggiunta di questo scenario, anche se unicamente come mappa spaziale, evidenzia come Dice sia aperta ad abbracciare il mondo di Star Wars a 360 gradi. Questo perché il pianeta seppur non appaia mai all’interno delle pellicole, è stato presentato e sviluppato nel corso degli anni nelle serie animate.

La domanda che è lecito porsi è se all’interno di Star Wars Battlefront 2 vedremo mai pianeti ed eroi tratti da The Clone Wars e Rebels. Di sicuro il materiale per arricchire il gioco non mancherebbe.

Classi, Battlepoints e Star Card System

Un’altra delle questioni più controverse del primo capitolo era il sistema di classi, totalmente assente. Utilizzato nei vecchi Battlefront di Pandemic ed abbandonato da Dice in favore di una maggiore accessibilità, il sistema di classi farà il suo ritorno in Battlefront 2. Fan di lunga data gioite, perché il sistema utilizzato è molto simile a quello dei vecchi capitoli della serie.

Assalto, Pesante, Specialista e Ufficiale: queste sono le 4 classi introdotte nel gioco. Classi che permetteranno una maggior stratificazione del gameplay. Ogni specializzazione, con le proprie abilità e bocche da fuoco potrà incidere in modo differente, ed unico, sul campo di battaglia.
Le armi ed i gadget, non più a disposizione di tutti, sono stati spartiti tra le quattro classi. Il fucile Cycler ad esempio, è ora ad appannaggio esclusivo dello Specialista. Alcune classi risulteranno dunque più efficaci contro mezzi corazzati o contro la fanteria rispetto ad altre.

Con questa introduzione e l’ampliamento dei team in-game, passati da 2 a 4 membri, la scelta della “specialità” risulta quanto mai fondamentale. Una selezione oculata può fare la differenza sia se si gioca in compagnia di altri tre amici, sia che il match sia in bilico tra la sconfitta e la vittoria.

E i famigerati Token da raccogliere in giro per la mappa? 

Scomparsi. Niente più corse a perdifiato alla ricerca dell’eroe o del camminatore imperiale. A sostituire questo sistema ci sono ora i Battlepoints.

Mezzi terrestri, caccia stellari, unità speciali definite Rinforzi, come il nuovo Flame Troopers o i Guerrieri Wookie, fino ad arrivare agli eroi ed ai villain che hanno accompagnato diverse generazioni, sono ora tutti sbloccabili nel corso del match da chiunque. Come? Più giocherete per la squadra, conquistando obiettivi strategici e collezionando uccisioni, più alto sarà il numero di Battlepoints accumulati. Una volta raggiunta la ricompensa desiderata non dovrete fare altro che riscattarne la carta.

E il vecchio sistema che fine ha fatto? Beh, è stato completamente rivisto.


Divise per rarità, le nuove carte stellari sono ottenibili tramite gli approvvigionamenti, acquistabili con la valuta in game, oppure grazie al crafting. Ogni carta potrà essere quindi smantellata o potenziata tramite i componenti.

Eroi, Rinforzi, mezzi, gadget, insomma tutto quello che può determinare un successo è ora diviso su livelli. Maggiore sarà la rarità della carta più efficiente risulterà sul campo di battaglia.

Le modalità di Battlefront 2

Nucleo di ogni sparattutto di massa di questo decennio è ovviamente il comparto Online. Riviste, corrette e per il momento scremate (salvo non ne aggiungano post lancio) la modalità online e offline di Star Wars Battlefront 2 sono le seguenti:

Modalità Multiplayer

Star Wars Battlefronts 2 verrà lanciato sul mercato con 5 modalità multiplayer: Blast, Strike, Heroes vs Villain, Star Fighter Assault, Galactic Assault.

Blast – Creata per i combattimenti ravvicinati, in spazi angusti, Blast potrebbe essere definito come il classico Deathmatch a squadre. Mappe piccole per una frenesia d’azione assicurata.

Strike – Mappe più ampie per differenti compiti. Basata fortemente sulla strategia, Strike è la modalità perfetta per coloro che desiderano disputare una partita più lunga e variegata.

Galactic Assault – Torna Assalto Galattico, la modalità multiplayer di punta del primo capitolo. Azione su vasta scala, tanti mezzi e colpi di blaster che impazzano ovunque. Galactic Assault è senza ombra di dubbio la modalità più grande del gioco, con i suoi 80 giocatori (40 vs 40).

Star Fighter Assault – Richiesta dagli utenti e grande assente nel precedente capitolo, Star Fighter Assault è l’evoluzione di Squadrone di Caccia. Traslata nello spazio e resa più profonda in termini di gameplay e opportunità, questa modalità mescola intense dogfigth a momenti di vera esaltazione.

Heroes vs Villain – Ultima ma non meno importante è Eroi contro Malvagi, modalità molto amata dai fan di lungo corso e non solo. Se desiderate vestire i panni del vostro eroe o antagonista preferito, non esitate a buttarvi in questa divertente modalità.

Modalità Arcade

Cimentarsi con il comparto Online non rientra però nei desideri di tutti i videogiocatori. Alcuni, prediligono un’esperienza più tranquilla e personale. Pertanto Dice, seguendo la scia di quanto fatto in BF 1 ha deciso di creare la modalità Arcade. Da solo, in Split-screen o contro un amico, le scelte per i players che amano questo genere di esperienza sono diverse.

Questo in sintesi è Star Wars Battlefront 2. Lo sappiamo che all’appello manca la modalità Storia, grande novità di questo seguito, ma cosa dire se non quello che è stato già detto: l’Imperatore è morto, l’Impero è allo sbando e questa è a tutti gli effetti una storia canonica all’interno dell’Universo di Guerre Stellari. Non ci resta altro da fare che provare il gioco il giorno 9 ottobre. Fino ad allora vi invitiamo a rimanere sulle nostre pagine, per scoprire nuovi succulenti dettagli su questo e molti altri fantastici giochi.

Abbiamo fondato il Devils in tre, tre colleghi, amici, tre pazzi furiosi. Io sono il più giovane dei tre. That's it.

Potrebbe interessarti anche…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.