Spyro Reignited Trilogy: non tutti sono contenti

Gira e rigira l’essere umano deve sempre lamentarsi, anche quando aspetta per anni il ritorno di un gioco che ha segnato profondamente la sua infanzia, come Spyro, e finalmente lo vede tornare alla ribalta più in forma che mai.

In questo articolo vedremo insieme alcune delle motivazioni che hanno spinto alcuni videogiocatori e lo stesso creatore di Spyro a muovere rimostranze verso Activision, Toys for Bob e la Spyro: Reignited Trilogy, nonostante il gioco abbia di gran lunga superato le aspettative.

Si stava meglio quando si stava peggio

Riassumervi l’intera conversazione avvenuta tra i fan su Reddit sarebbe un’impresa davvero lunga da portare a compimento, per quello che è l’intento di questo articolo, per questo motivo vi riassumiamo le principali criticità avanzate da alcuni utenti.

Partiamo da Spyro, il cui design nonostante sia di gran lunga migliore rispetto a quello visto in Skylanders non convince comunque. Il draghetto viola non è però l’unico personaggio che è stato preso di mira, anche Sparx e il drago anziano presente nel trailer sono stati attaccati perché nella versione originale non possedevano gambe e cappello. Ci sono stati poi commenti molto sgradevoli sulle espressioni facciali di Sparx, accostate a quelle di persone affette da reali ritardi.

Chiuso il capitolo legato ai personaggi è arrivato poi il turno delle ambientazioni. L’erba e il cielo, così come alcuni edifici, a detta di alcuni non sarebbero stati riprodotti fedelmente.

Eh già, anche noi preferivamo l’erba piatta…

Proseguendo, i colori, definiti in generale saturi come non mai, sono per giunta anche errati. Prendiamo come esempio il castello presente nell’immagine qui sopra. Secondo alcuni utenti, il colore andrebbe sistemato visto è considerato che nell’originale era più chiaro.

Ognuno è libero di esprimere la propria opinione, e ci mancherebbe anche altro. I gusti poi sono molto personali, quindi una critica mossa alla palette cromatica scelta dai ragazzi di Toys for Boys è sacrosanta, se non si avvicina ai propri gusti personali, ma perdersi per un cappello o per la tridimensionalità dell’erba francamente è sciocco. Per non per parlare poi dei commenti sull’aspetto di Spyro. Ragazzi vi vogliamo ricordare che quello presente qui sotto era il design di Spyro in Skylanders. Quando hanno mostrato la versione per la Spyro: Reignited Trilogy, noi abbiamo fatto i salti di gioia.

Zembillas contro Activision

Più seria ma comunque discutibile è la ragione che ha mosso Charles Zembillas, l’illustratore che ha creato il nostro amichevole draghetto viola, a esprimere pubblicamente la sua delusione.

Durante una chiacchierata con lo youtuber Game Brain, Zembillas ha confidato di essere rimasto profondamente deluso e amareggiato dal comportamento che Activision ha tenuto nei suoi confronti, che di fatto non lo ha minimamente coinvolto nell’operazione di restauro del titolo.
Da quello che ha detto, il design del nuovo Spyro sembra essere stato influenzato in modo importante dai bozzetti originali disegnati da lui stesso. Il che non è un male, anzi, se di nuovo pensiamo al lavoro svolto per trasportare Spyro nel mondo di Skylanders. Il punto è che, per come la vede lui, che il publisher per una questione di correttezza avrebbe dovuto almeno avvertirlo.

Se da un lato non possiamo non metterci nei panni di Zembillas, e concordare con lui, dall’altro Activision non ha fatto nulla di sconcertante, dato che la proprietà intellettuale è di sua proprietà. Perdonate la ripetizione.

In ogni caso, se desideraste approfondire, vi lasciamo il video di seguito.

Potrebbe interessarti anche…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.