Come ottimizzare Fortnite – Aumento qualità, calo del lag e impostazioni competitive

Ottimizzare Fortnite è un processo che prima o poi tutti i giocatori del Battle Royale creato das Epic Games devono o hanno dovuto fare. Parliamo di una fase di rifinitura necessaria non solo per ottenere migliori performance grafiche ma anche per eliminare o quantomeno ridurre artifici grafici come il pop-in ritardato di texture o una generale lentezza nel caricamento dei modelli poligonali di case o altri elementi dello scenario.

Ottimizzare le fondamenta

Le fondamenta per una corretta ottimizzazione di Fortnite sono le specifiche del vostro computer, per questo motivo andremo a toccare prima quelle per poi passare alle impostazioni del gioco stesso. Se state utilizzando un portatile la prima cosa da fare è settare la “modalità batteria” ad “alte performance”. Portatile o fisso che sia, invece, il secondo step fondamentale è quello di aggiornare i drivers della vostra scheda video ed effettuare l’ultimo update del sistema operativo, se presente.

Fatto questo, la prossima parte per ottimizzare Fortnite è legata alla vostra scheda video. Per farla performare al meglio seguite le istruzioni che vi lasciamo di seguito:

  • Aprite il pannello di controllo NVIDIA e recatevi su “Manage 3D Settings”;
  • Selezionate il tab “Impostazioni programma” o “Program Settings” e cercate Fortnite. Se non riuscite a trovarlo cliccate su aggiungi e cercatelo così;
  • Settate “Maximum pre-rendered frames” a 1;
  • Impostate “Monitor Technology” su G-SYNC, se applicabile;
  • Cambiare “Multi-Display/Mixed GPU Acceleration” a “Single display performance mode”;
  • Settare “Power Management Mode” a “Prefer maximum performance”;
  • Impostare “Texture filtering” a “Quality to Performance”;
  • Disabilitare il Sync verticale;
  • Disabilitare “Threaded Optimization”;
  • Impostare “Preferred Refresh Rate” a “Highest available”;
  • Applicare i cambiamenti e andare su aggiusta dimensione e posizione desktop;
  • Spuntare la casella “Sovrascrivere la modalità di ridimensionamento…” e premi su applica.

Arrivati a questo punto possiamo dire che la prima parte per ottimizzare Fortnite è terminata. Passiamo alla seconda.

Ottimizzare Fortnite: impostazioni di gioco

Prima di passare a tutte quelle rifiniture secondarie ma altrettanto importanti per ottenere le migliori prestazioni dal vostro computer, andiamo a vedere come ottimizzare Fortnite dalle sue impostazioni di gioco interne. Ovviamente le prime due cose da fare sono aprire il laucnher Epic Games ed entrare nel gioco. Una volta nel menù della Battaglia Reale o di Salva il mondo, è indifferente, dovrete cliccare su impostazioni in alto a destra e ottimizzare Fortnite prendendo spunto dalle impostazioni che vi lasciamo qua sotto. Abbiamo detto di prendere spunto e di non seguirle alla lettera perché ogni computer è diverso dall’altro e non esistono delle impostazioni universali. Il nostro consiglio è quello di partire da queste, testarle in-game, ed eventualmente alzarle in un secondo momento.
Di seguito i settaggi grafici:

  • Bloccate il frame rate a 60 fps (in casi estremi scendete a 30). L’ideale sarebbe non bloccarli affatto ma questo dipende dal vostro PC;
  • Ombre: OFF;
  • Anti-aliasing: OFF;
  • Texture: MEDIO;
  • V-Sync: OFF;
  • Effetti: BASSO;
  • Post Processing: BASSO;
  • Motion Blur: OFF;
  • Risoluzione 3D: 100%. Meglio abbassare la risoluzione del display piuttosto che quella 3D;
  • Distanza visuale: ALTA

Salvare le impostazioni ed uscire da Fortnite

Disattivare OneDrive e Windows Update

Dopo questi primi due passi per ottimizzare Fortnite è arrivato il momento di passare a tutte quelle rifiniture facoltative che non possono che fare bene alla stabilità e alle prestazioni del gioco. Partiamo da One Drive e Windows Update, entrambi da disabilitare. Disabilitare non disinstallare. Per disabilitare OneDrive, se non lo si sta utilizzando ovviamente, bisogna cliccare con il tasto destro sull’icona di OneDrive presente nella barra delle applicazioni e cliccare su Esci. Per quanto riguarda Windows Update, invece, i passaggi per disabilitarlo sono i seguenti:

  • Aprire il menù Start e cercare “impostazione Windows Update”;
  • Entrare nelle opzioni avanzate;
  • Cliccare su “Ottimizzazione di consegna”;
  • Disattivare “Consenti download da altri PC”.

Pulire i file temporanei

Altro aspetto importante dell’ottimizzazione sono i file temporanei, da pulire. Per fare un po’ di pulizia non bisogna fare altro che cercare “%localappdata%” nel menù di Start e premere invio. Dopodiché è necessario entrare nella cartella “Temp” e usare con la tastiera la combinazione Ctrl+A per selezionare tutti i file al suo interno. Fatto questo basta eliminarli per completare questa breve procedura.

Alcuni file non potranno essere cancellati, saltateli.

Ripulite il cestino e avviate CCleaner, se ne siete in possesso.

Ottimizzare Google Chrome

Ultimo passaggio per ottimizzare Fortnite è quello legato a Google Chrome. Questa ultima parte consiste nel disattivare l’accelerazione hardware del browser in modo che le applicazioni in background non consumino troppe risorse, togliendone al gioco.
Per farlo bisogna aprire Google ed entrare nelle impostazioni, per poi scorrere verso il basso ed entrare nelle schede avanzate. Anche qui bisognerà andare verso il fondo e assicurarsi che la voce “Usa accelerazione hardware quando disponibile” sia disattiva.

Ottimizzare Discord

Ultima parte ma non per questo la meno importante per l’ottimizzazione di Fortnite è il perfezionamento di Discord, nota piattaforma usata in genere dai giocatori PC. Se foste assidui utilizzatori di Discord vi consigliamo di ottimizzarlo entrando nelle impostazioni utente, poi nella scheda “Aspetto” e deselezionando l’accelerazione hardware.

Questi sono tutti modi possibili per ottimizzare Fortnite. Una volta che avete concluso la vostra fase di ottimizzazione avete un’ultima cosa da fare: riavvare il computer e divertirvi!

Potrebbe interessarti anche…

Le risposte degli utenti...

  1. irish7791 ha detto:

    Bello

  2. giovanni ha detto:

    GG

  3. Gabry ha detto:

    Mi manca questo ultimo passaggio: “Sovrascrivere la modalità di ridimensionamento…” . Non riesco a trovarlo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.