Playstation Now vs Xbox Game Pass: servizi a confronto

La nona generazione di console non è ancora iniziata e già è ben chiaro quale sia il punto di arrivo dei principali attori della scena videoludica: il gaming in streaming legato ai servizi in abbonamento.

Il mondo di videogiochi sta percorrendo gli stessi passi del mondo del cinema, che neanche due anni fa ha visto nascere diversi servizi in abbonamento che hanno cambiato per sempre il modo di fruire il medium. Entrambi, sia Sony che Microsoft hanno proposto tempo addietro la loro idea al pubblico, oggi si tratta di confermare la loro visione e di evolverla. L’ottava generazione è stata il banco di prova, la fase di test, ma quale tra i due servizi è ad oggi il migliore?

Cosa sottoscrivere: Playstation Now o Xbox Game Pass?

Playstation Now o Xbox Game Pass

Se da un lato i due servizi possono essere considerati simili, dall’altro sono al momento molto distanti per certi aspetti. Andiamo a vedere in cosa Playstation Now e Xbox Game Pass differiscono e si somigliano.

I punti di contatto sono sicuramente la presenza dei servizi su più dispositivi, la retrocompatibilità con i titoli PS, Xbox, PS2, Xbox 360 e PS3, e la forma di abbonamento paragonabile a quella di servizi come Netflix.

Playstation Now e Xbox Game Pass però divergono sotto alcuni aspetti come il prezzo e la gestione dei titoli esclusivi. Il servizio di Sony ha un prezzo mensile di 14.99€ mentre quello Xbox costa soltanto 9.99€. Parlando di costi annuali invece i due servizi sono identici: 99.99€ Sony e 99.99€ di MS.
Per quanto riguarda gestione delle esclusive invece, oggi, Sony introduce i propri titoli esclusivi su Playstation Now soltanto tempo dopo la loro uscita sul mercato, a differenza di Microsoft che lancia i propri giochi esclusivi in contemporanea sia su console che su Xbox Game Pass.

Visioni differente, gestioni diverse.

La nostra opinione

Se oggi ci doveste chiedere quale servizio scegliere, se Playstation Now o Xbox Game Pass, queste sono le nostre considerazioni:

Quale costa di meno?

Xbox Game Pass se si decide attivare il servizio soltanto per 3 o 4 mesi all’anno, Playstation Now se lo si vuole tenere attivo tutto l’anno.

Quale offre più titoli? 

Playstation Now, 600 titoli contro 200.

Quale servizio è più affidabile?

Xbox Game Pass, il know how di Microsoft fa la differenza.

In futuro quale sarà il migliore?

Difficile dirlo.

Punti di partenza opposti

Dopo aver comprato Gaikai nel 2014 Sony ha nel giro di breve tempo lanciato Playstation Now bruciando la concorrenza sul tempo, la quale ha lanciato il proprio servizio soltanto nel 2017, quindi qualche anno più tardi.

Il vantaggio accumulato si è però rivelato una grande opportunità persa. Forse data anche la forte posizione del colosso giapponese, una posizione di dominio in questa generazione, non c’è stata l’intenzione di spingere il piede sull’acceleratore e di far evolvere il servizio, che tra l’altro non è nemmeno arrivato in Italia. Intendiamoci, il servizio è stato supportato generosamente con l’introduzione di tanti nuovi titoli ed un ampliamento costante dell’offerta, non è certo nostra intenzione affermare il contrario.

Dall’altro lato Microsoft, data anche la sua posizione di svantaggio ha scelto di intraprendere una strada opposta, lanciando il servizio e facendone uno dei suoi principali cavalli di battaglia. Tanta è stata la pubblicità dedicata all’Xbox Game Pass, così come ingenti sono stati gli investimenti per ampliare il parco titoli. Il Game Pass insieme all’acquisizione dei nuovi studi fa chiaramente parte del progetto di ripresa iniziato da Phil Spencer e il colosso di Redmond ci ha investimento sopra parecchio tempo e denaro.

Oggi sono sicuramente due servizi validi, differenti sotto alcuni punti di vista e simili sotto altri. Se dovessimo in definitiva consigliarvi Playstation Now o Xbox Game Pass faremmo fatica a far pendere l’ago della bilancia da una parte o dall’altra. Una cosa però è sicura, se Sony ci ha avesse creduto con la stessa convinzione con la quale ci ha creduto Microsoft forse oggi la situazione sarebbe completamente diversa.

Potrebbe interessarti anche…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.