Come risolvere gli errori di avvio su Apex Legends per PC

A molti giocatori sarà capitato almeno una volta il classico errore dell’accesso negato quando si avvia Apex Legends.

Questo errore all’avvio di Apex Legends, quando appare, impedisce di entrare nel gioco. Sembrerebbe più frequente in computer che utilizzano i LED colorati quindi i computer che sono nati appositamente per giocare (Solo noi player abbiamo questa voglia insana di moddare i nostri PC come se fossimo Toretto di F&F).

Sembrerà una cavolata ma il problema legato al gioco sembra essere causato dai controller RGB. Leggendo in diversi forum sia italiani che stranieri il problema si manifesta quando il software del controller RGB è installato.

Questi software sono ad esempio Asus Aura, Corsair iCue, EVGA lighting e Gigabyte RGB Fusion ma non bisogna dimenticare anche tutti gli altri software che gestiscono i dispositivi che hanno inserito al loro interno le luci RGB come schede video, schede madre, ecc.

1,2,3 … Problema risolto

Anche se con la patch che è stata aggiunta poco tempo fa il problema dovrebbe essere risolto, di seguito riportiamo comunque la soluzione per risolvere il problema dell’errore all’avvio.

  • Passo 1: disinstallare il software che gestisce l’illuminazione dal vostro computer
  • Passo 2: aprire il task manager di Windows e verificare se nella sezione avvio automatico è presente il software che gestiva sul vostro computer l’illuminazione. Se è nella lista cancellatelo.
  • Passo 3: riavviare il pc

Sei il problema persiste sul vostro computer allora non è presente nessun tipo di software che gestisce l’illuminazione, forse, disinstallando origin e re-installandolo il problema potrebbe risolversi.

Questo è tutto quello che dovete sapere riguardo il problema legato all’avvio del gioco, per saperne di più in merito al gioco e ai suoi problemi vi consigliamo di visitare la sezione del sito dedicata ad Apex Legends. Se volete chiederci articoli specifici riguardante il vasto mondo di Apex Legends fatelo tramite i commenti.

Potrebbe interessarti anche…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.