Red Dead Redemption 2: dove vendere i gioielli rubati

Eccoci ancora una volta con Red Dead Redemption 2 e i nostri suggerimenti per spuntarla nel mondo di gioco. Se infatti in precedenza avevamo discusso su come ottenere pelli perfette e dove venderle al miglior prezzo, anche questa volta non ci discostiamo molto dalla vendita di oggetti, anche se il tema pelli è ormai completo. Oggi parliamo di gioielli.

Che li abbiate ottenuti dopo aver soccorso una damigella in pericolo, assaltando una diligenza o per una botta di cu.. fortuna, i gioielli vanno venduti. Non ha senso tenerli nella propria bisaccia. Dove posso allora vendere i gioielli rubati in Red Dead Redemption 2? Non è così difficile.

La ricetta del ricettatore

Prima di tutto non potrete certo andare all’emporio cittadino, in quanto sono schizzinosi quando si parla di provenienza della merce. Piuttosto in alcuni luoghi noti alle persone giuste, ovvero i “ricettatori”: persone che comprano e vendono oggetti rubati. Quindi per vendere i gioielli da voi trovati “per caso” nell’avventura di Red Dead Redemption 2 dovrete andare da loro.

Questi ultimi non sono dei meri mercanti. Possono infatti vendervi note e ricette su armi, munizioni e tonici. Insieme a maschere per variare dalla solita bandana nelle rapine, set e bisacce, armi da lancio, armi bianche e provviste. I ricettatori sono inoltre degli artigiani, i quali con le giuste parti di animali leggendari possono crearvi amuleti e talismani che vi forniranno potenziamenti, meglio noti come buff.

Vendere i gioielli

Sì, ok ma dove vendere i gioielli rubati in Red Dead Redemption 2? Ci stiamo arrivando. Come abbiamo potuto vedere per le pelli e i macellai nella scorsa guida, non c’è una vera e propria oscillazione dei prezzi di gioco: che voi andiate da Seamus ad Emerald Reanch a est di Valentine, piuttosto che nel molo di Van Horn o al porto di Saint Denis, non cambierà granché. Anzi nulla.

I ricettatori di Red Dead Redemption 2 vi compreranno i medesimi gioielli allo stesso prezzo. Prendendo a campione un piccolo bottino, dei tre sopracitati ricettatori tutti compravano una fibbia placcata in platino a 5 dollari; un anello e un bracciale in argento rispettivamente a 3 e 5 dollari, mentre una pepita d’oro e un piccolo sacchetto di gioielli entrambi a 25 dollari.

Morale della favola? Quando avrete un bel bottino di gioielli andate dal ricettatore più vicino e schiaffategli il carico in faccia per venderlo quanto prima. Un consiglio: non dategli le figurine perché vagando qua e là nel Far West di Rockstar Games potreste incontrare una persona che è alla ricerca delle serie complete e che vi offrirà mooolto di più di un qualsiasi ricettatore.

Se fossimo in voi daremmo un’occhiata alla stazione ferroviaria dove il reverendo stava per vincere a poker. 

Role player, videogiocatore, blogger, redattore, recensore, scrittore di fanfiction e... è tutto.

Potrebbe interessarti anche…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.