Dauntless: come far barcollare e abbattere i Behemoth

Far barcollare e abbattere i Behemoth in Dauntless non è un’impresa semplice, persino per una squadra al completo se male organizzata. Queste bestie, potenti e aggressive, non cadranno docilmente al suolo dopo due o tre colpi, è necessario capire ed imparare come abbatterle.

Questo aspetto di Dauntless è fondamentale perché questa finestra di vulnerabilità vi permetterà di colpire ripetutamente parti specifiche dell’animale per raccogliere specifiche materiali da creazione e craftare armi e armature uniche. Quindi prestate attenzione a quanto segue.

Come abbattere un Behemoth

All’interno del gioco avrete sicuramente notato che i danni non hanno tutti lo stesso colore, la maggior parte sono di colore giallo e alcuni blu. Questi ultimi sono chiamati in inglese Stagger, in italiano potremmo chiamarli Critici. Tutte le armi da taglio possono infliggere questo tipo di danno con le giuste modifiche. L’ascia per esempio può infliggere questi danni di default.

Dove colpire

I Behemoth possono essere colpiti in diverse parti, ovviamente non tutte sono ideali per infliggere attacchi critici. Testa e gambe, salvo non siano pesantemente corazzate, sono i migliori posti da colpire per far barcollare e abbattere i Behemoth. Sempre meglio poi colpire la testa e non le zampe per infliggere più danni.

Non basteranno due o tre colpi per tirarli giù, ogni mostro possiede una barra invisibile della resistenza da dover riempire per poter farlo cadere. Una volta a terra salitegli in groppa e non sprecate neanche un secondo.

Quando colpire

Ora che abbiamo capito come far barcollare e abbattere i Behemoth, è arrivato il momento di scoprire quale sia il momento migliore per colpirlo e infliggergli danni critici. Vi diciamo subito che il miglior momento è durante la carica di un Behemoth. Durante un attacco in carica il mostro sarà particolarmente vulnerabile, non solo perché la prima cosa a portata d’arma è la sua testa ma anche perché con un colpo ben assestato potrete abbatterlo immediatamente. Ci vuole però il giusto tempismo.

Potrebbe interessarti anche…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.