Come risolvere l’errore server timeout in Apex Legends

Purtroppo Apex Legends ha diversi problemi relativi alla compatibilità verso l’hardware AMD, soprattutto quello di vecchia generazione. In questa guida cercheremo di risolvere insieme l’errore “server timeout” in Apex Legends, dovuto ai processori AMD FX, soprattutto di serie AMD FX6300.

Cacciato dalla partita – Errore server timeout

Prima di cominciare, è giusto avvisarvi che questa potrebbe non essere una soluzione definitiva al problema. Infatti è stato riportato da una minoranza di giocatori che questo procedimento, purtroppo non ha funzionato per loro. Ovviamente, prima di sapere se fate parte o meno di quella schiera di persone, è necessario almeno tentare. Quindi ecco come fare a risolvere, step by step questo inconveniente:

Step 1 – Avviate il gioco, entrate in partita e aspettate che il gioco vada in crash.

Step 2 – Dopodiché premete in sequenza Alt+Tab, minimizzando l’applicazione senza chiuderla. Cercate nella barra di ricerca di Windows “Servizi” e avviate il primo risultato.

Step 3 – Ora vi si aprirà una schermata con tutti i vari servizi attivi o disattivi presenti nel sistema. Per risolvere il vostro problema dovete cercare i servizi “Windows Audio” e “Windows Audio Endpoint Builder“.

Step 4 – Fate click con il pulsante destro sul mouse sulla voce “Arresta” per entrambi i servizi. Una volta fatto dovrete riavviarli. Quindi cliccate nuovamente col tasto destro e selezionate “Avvia“, sempre su tutti e due i servizi.

Step 5 – Tornate in gioco e avviate una nuova partita per controllare se si verifichi nuovamente il crash.

Non è chiaro il perché tali servizi vadano in conflitto con Apex Legends, e perché siano collegati alla serie AMD FX, ma la maggior parte degli utenti che avevano problemi grazie a questa semplice procedura sono riusciti a sistemare il problema. Speriamo che la guida per risolvere l’errore server timeout in Apex Legends vi sia stata d’aiuto. Vi invitiamo a leggere  tutte altre guide sullo Apex Legends!

Fonte: TNM

Potrebbe interessarti anche…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.