Bleeding Edge: presentata la nuova IP di Ninja Theory

Trafugato tragicamente poco prima del suo annuncio durante l’E3 2019, Bleeding Edge è la nuova IP di Ninja Theory, new entry nel mondo Xbox Game Studios. Presentato con un trailer in-engine, il gioco deve essere inquadrato come un action in terza persona di quelli tecnici. Dalla natura squisitamente online, Bleeding Edge porta i ragazzi di Ninja Theory nel mondo del PVP competitivo.

A presentarlo sul palco è salita niente di meno che Rahni Tucker, director del reboot di Devil May Cry ad opera di Capcom, nonché autrice di entrambi i combat system . “Mentre l’altro team lavorava a Hellblade, un gioco molto più narrativo, noi stavamo sviluppando qualcosa di più tecnico”. Queste sono state le parole post conferenza della Tucker. Stando a quanto dichiarato il team è dunque in grado di portare avanti in contemporanea due distinti prodotti, ciò significa che il team dietro Hellblade sta attualmente lavorando a qualcos’altro.

Ma torniamo a Bleeding Edge. Dallo stile bizzarro, se vogliamo eccentrico, questa nuova IP vanta al momento un roster di personaggi limitato al fine di bilanciare al meglio i combattimenti. I dieci personaggi al momento disponibili sono caratterizzati da stili e abilità differenti. Per rendere i combattimenti vari e divertenti ogni personaggio è stato costruito non solo intorno ad armi diverse ma anche a stili differenti, con influenze più o meno marcate di altri stili.

In sviluppo ormai da più di quattro anni, questa nuova proprietà intellettuale ha il gravoso compito di traghettare Ninja Theory verso la next-gen, essendo questo l’ultimo titolo current-gen nonché il primo dei neo fondati Xbox Game Studios. Un compito non semplice ma che siamo sicuri il team possa portare a compimento.

Potrebbe interessarti anche…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.